Cardi fritti alla romagnola

January 23, 2019
Inauguriamo con questa semplice ricetta la nostra mailing list, con cui ogni mese vi forniremo rapide ma gustose ricette da sfoggiare nelle vostre cene internazionali!

Questo mese vogliamo proporvi una ricetta a base di cardi. Si tratta di un simpatico vegetale della stessa famiglia dei carciofi, ai quali ha un sapore molto simile. In Romagna si chiama anche “il gobbo”, perché all’inizio dell’inverno viene posto sottoterra ad imbiancarsi: la crescita continua senza la luce solare, così il cardo assume una colorazione bianca e diventa più tenero.

Quella che vi suggeriamo qui è una delle ricette tradizionali più semplici ma di sicura riuscita! Promettiamo che, se non lo conoscete [il cardo], ve ne innamorerete e vorrete sperimentare molte altre ricette!

Pronti?


Ingredienti per cinque persone:

  • 1 kg di cardi
  • mezzo limone
  • 200 ml di olio di arachidi
  • 300 gr di pan grattato
  • 3 uova

Preparazione


1) Laviamo i cardi. Con un coltello o pelapatate li puliamo dai filamenti esterni più grossi e li tagliamo a pezzetti di 7-10 cm di lunghezza. Li mettiamo a bagno in una ciotola con acqua leggermente acidulata, quindi con qualche goccia di limone, e li lasciamo a mollo per circa 5-10 minuti.

2) Trasferiamo i cardi uno a uno in una pentola bassa e larga. Trasferiamo nella pentola anche l’acqua acidulata e aggiungiamo acqua affinché i cardi vengano sommersi interamente. Accendiamo il fuoco sotto la pentola a fiamma alta. Spremiamo il resto del limone nell’acqua e aggiungiamo una manciata di sale grosso. Mettiamo il coperchio e lessiamo per circa 30-40 minuti.


3) Quando la consistenza dei cardi è abbastanza morbida, li scoliamo. Il colore dei cardi si avvicinerà al beige: il limone nell’acqua ha impedito che si ossidassero, diventando blu. Se anche dovesse succedervi, non spaventatevi: saranno lo stesso buonissimi!


4) Scaldiamo l’olio di arachidi in una padella antiaderente.

5) Prendiamo dalla credenza due piatti fondi: nel primo piatto rompiamo tre uova, mentre riempiamo il secondo piatto di pan grattato. Prendiamo il primo pezzo di cardo, bagniamolo nell’uovo e successivamente ricopriamolo di pan grattato.

6) Quando l’olio è caldo, immergiamoci il primo pezzo di cardo così impanato e lasciamolo friggere un paio di minuti su ogni lato finché non sarà dorato. A questo punto lo togliamo dall’olio e lo lasciamo asciugare su un paio di fogli di carta casa. Ripetiamo l’operazione per tutti i pezzi di cardo.

7) Ora non ci resta che salare a gusto e servire!

Il cardo fritto può essere consumato così oppure può essere passato in un tegame con aglio e salsa di pomodoro. In questo secondo caso sarà più agevole conservarlo per un paio di giorni. Ove lo si gradisse semplicemente fritto, è indicato consumarlo subito dopo la frittura.


BUON APPETITO!


Rossella e Agostino

Team Dinehome